28 maggio 2017
Aggiornato 00:30
Calciomercato Milan

Keita: la Lazio rilancia, la Juve insiste ma è il Milan in vantaggio

Offerta da 1,8 di Lotito per Keita, ma a questo punto sembra essere troppo tardi. Sull’attaccante senegalese ormai si muovono decise sia Juventus che Milan, ma i rossoneri sono in pole per più di una ragione.

L'attaccante laziale Keita (© Ansa)

MILANO - La notizia del giorno arriva da Roma: secondo la stampa capitolina Claudio Lotito sarebbe pronto ad un ennesimo - e francamente disperato - tentativo per convincere Keita Balde Diao a firmare e non rischiare quindi di doverlo cedere a giugno oppure perderlo a parametro 0 l’anno prossimo. Un’offerta importante da 1,8 milioni di euro a stagione (ben di più rispetto al milione messo sul piatto in prima battuta che aveva fatto inferocire l’entourage dell’attaccante).

Lazio, troppo tardi
A questo punto però, malgrado il gran lavoro svolto da mister Inzaghi per tentare di convincere l’esterno senegalese a restare a Roma, sembra essere troppo tardi per i ripensamenti. Anche perchè alla porta di Roberto Calenda, procuratore del ragazzo, continuano a bussare incessantemente top club come Juventus e Milan, tutti pazzi per Keita.
Al momento quindi, sembra essere una lotta a due per accaparrarsi il talento dell’ex Barcellona. 

L’offerta della Juve
Da una parte la Juventus, pronta a mettere sul piatto una ventina di milioni e la prestigiosa vetrina della Champions League. Dall’altra l’ambizioso Milan cinese, massicciamente attivo sul mercato per costruire una squadra in grado di competere fin dal prossimo anno per i traguardi più alti, sia in Italia che - si spera - in Europa League, pronto a pareggiare l’offerta bianconera.

Milan in vantaggio
A favore del club di via Aldo Rossi c’è però un aspetto da considerare attentamente. Nell’ultima stagione a Roma Keita ha manifestato una certa insofferenza alla panchina, alla quale mister Inzaghi l’ha relegato a lungo. Vista la ricchissima rosa dei campioni d’Italia è lecito supporre che la sorte del ragazzo in bianconero possa essere la stassa. Ben diversa la situazione che si prospetta al Milan, dove Montella è intenzionato a puntare forte proprio sull’ex laziale, a cui verrebbe consegnata subito una maglia da titolare, vero obiettivo del ragazzo. A parità di offerte ecco cosa potrebbe fare la differenza a favore del Milan. Oltre ad una questione personale non certo irrilevante: la simpatia di Lotito nei confronti di Fassone e i rapporti non certo cordiali tra il presidente biancoceleste e l’ad juventino Marotta. In situazioni del genere, contano anche questi piccoli dettagli.