8 dicembre 2016
Aggiornato 01:00
Cessione Milan

Milan, Berlusconi jr: «Il 13 giorno cruciale»

Pier Silvio Berlusconi non crede ad un possibile ribaltone della trattativa che dovrebbe portare alla cessione del Milan a Sino-Europe Sports. Anzi, la sensazione del presidente di Rti e grande tifoso rossonero è che il 13 dicembre possa essere un giorno cruciale per le operazioni.

Il numero uno del Milan Silvio Berlusconi (© Daniele Mascolo/Photoviews)

MILANO - L’inquietudine generale sulla cessione dell’Ac Milan al consorzio cinese guidato da Yonghong Li non sembra aver contagiato Pier Silvio Berlusconi, presidente di Rti. Il rampollo di famiglia anzi, a margine della presentazione della fiction sulla vita di Papa Francesco che andrà in onda su Canale 5 il prossimo 8 dicembre, ha manifestato tutte le sue sicurezze sul positivo esito delle operazioni: «Se tutto va come deve andare, e non vedo perchè non debba essere così, credo proprio ci siano delle certezze. Il 13 dicembre sarà un giorno cruciale per il Milan».

Stupito dal Milan

«Da tifoso rossonero - le parole di Berlusconi jr - ringrazio mio padre perchè ci ha fatto vivere degli anni bellissimi ed è comprensibile che ancora oggi sembri combattuto. Per lui la squadra è una vicenda di cuore, come ha detto piu' volte. Ma oggi come oggi è giusto che si vada avanti così. Spero e penso che il Milan grazie alla cessione avrà la possibilità di tornare ad essere competitiva grazie ad importanti investimenti. Il mondo del calcio è cambiato, purtroppo, e il nostro football non vive un momento facile. E comunque sono piacevolmente stupito dal bel campionato che stanno facendo i ragazzi di Montella».