8 dicembre 2016
Aggiornato 01:00
Calcio

Giovanni Galli: “Donnarumma è troppo innamorato del Milan per andarsene”

Arrivano conferme e fiducia circa la permanenza del portiere rossonero a Milanello per tanti anni ancora

MILANO - Gianluigi Donnarumma non ha nemmeno diciott’anni ed è già sul taccuino della metà delle più grandi società d’Europa. E’ un ragazzo tecnicamente fenomenale, è serio, umile e con tanta voglia di crescere ed imparare ancora tanto. Chi non verrebbe un calciatore così nelle proprie fila? Tutti, ovviamente, e il Milan che ne detiene il cartellino vuol creare una sorta di muraglia (magari una muraglia cinese, visto il possibile nuovo indirizzo societario rossonero) a protezione del fenomeno di Castellammare di Stabia che, crollasse il mondo, non può lasciare Milanello scoprendo un ruolo probabilmente coperto per i prossimi vent’anni. E lo stesso Donnarumma è convinto di rimanere al Milan o la precarietà del club milanese potrebbe indurlo a cedere alla corte di qualcuno? Una risposta prova a darla Giovanni Galli che del Milan è stato portiere ai tempi di Arrigo Sacchi con due Coppe dei Campioni ed uno scudetto vinti in rossonero: «In Italia i grandissimi portieri nascono ogni 30-40 anni - afferma Galli - e infatti prima c’è stato Zoff, poi Buffon e adesso Donnarumma. In molti temono che prima o poi il ragazzo possa lasciare il Milan, ma io non penso ci saranno grandi problemi per rinnovare il contratto coi rossoneri. Donnarumma ama il Milan, è la sua squadra del cuore, il ragazzo è rossonero dentro: non credo andrà via. Capisco il lavoro dei procuratori, ma il Milan è la sua casa. Donnarumma farà grandi cose in Nazionale, come i suoi illustri predecessori Zoff e Buffon. E penso proprio che lo farà, per tanto tempo, con la casacca rossonera».