8 dicembre 2016
Aggiornato 01:00
Calcio

Anche Allegri esalta il Milan: "E' in corsa per i primi tre posti"

Alla vigilia di Milan-Juventus, l'allenatore juventino, ex rossonero, spende parole al miele per la squadra di Montella, sorprendentemente seconda in classifica

TORINO - Milan-Juventus di sabato sera a San Siro (inizio ore 20:45) sarà un po' a sorpresa la sfida fra la seconda in classifica (seppur in condominio con la Roma) e la capolista di un campionato che sembra aver già trovato il suo dominatore. Ma se il primato della Juventus era ampiamente prevedibile, meno pronosticabile era certamente il podio rossonero, soprattutto nell'anno dell'epocale cessione societaria (ancora da concretizzare ufficialmente), del calciomercato bloccato e dell'ennesimo cambio di allenatore. E invece il Milan è lì, chissà per quanto, però è lì, pronto a giocarsi anche con l'imprendibile Juve una posizione di vertice che a Milanello non si respira da tanti, troppi anni; ma la squadra di Montella, artefice di questo miracolo, dove può arrivare davvero? Risponde Massimiliano Allegri, che del Milan è stato allenatore dal 2010 al 2014, e che oggi guida proprio quella Juventus prenditutto e che sabato sera testerà le reali ambizioni milaniste: "Il Milan sta lavorando bene - afferma il tecnico juventino - ha dei ragazzi bravi e di grande talento, la squadra gioca un buon calcio ed è tornata pienamente in corsa per le prime tre posizioni del campionato». Pre tattica in vista di Milan-Juventus o reale convinzione che quest'anno, per i piani alti della serie A, sono tornati anche i rossoneri? Montella ha da da subito volato basso, nonostante l'aeroplanino in campo fosse proprio lui, e forse questa mossa ha restituito calma e lucidità ad un gruppo ora consapevole di potersela giocare con tutti, pur con qualche limite strutturale.