8 dicembre 2016
Aggiornato 01:00
Calciomercato Milan

Fassone e Mirabelli, inizia la missione per il Milan

Tanta curiosità tra i tifosi rossoneri per la prima uscita di Fassone e Mirabelli, ancora non ufficialmente insediati, ma sicuri nuovi amministratore delegato e direttore sportivo del Milan. I due futuri dirigenti rossoneri sono stati a vedere Chelsea-Leicester per verificare la disponibilità di Fabregas, ma anche del brasiliano Oscar. A rischio invece Pasalic.

MILANO - C’era grande attesa per Chelsea-Leicester (match terminato con la vittoria schiacciante dei Blues di Antonio Conte sui campioni d'Inghilterra) ma non solo da parte dei tifosi delle due squadre e di tutto l’universo Premier League. Anche in Italia è stata data notevole enfasi al match, soprattutto per la presenza sulle tribune di Stamford Bridge di Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli. L’evento, presentato in ambienti rossoneri come la prima uscita dei due nuovi uomini mercato del Milan, conferma l’appropinquarsi rapido del gran giorno del closing, momento decisivo per il cambio della guardia in via Aldo Rossi e per l’insediamento definitivo della nuova dirigenza negli uffici del Portello.

Non solo Fabregas

Futuro amministratore delegato e prossimo direttore sportivo del Milan comunque hanno già iniziato a muoversi e il viaggio a Londra va visto nel piano di avvicinamento a Cesc Fabregas, magari per iniziare a gettare le basi per il trasferimento dello spagnolo a Milanello già nella prossima finestra di mercato di gennaio. Secondo indiscrezioni, sul taccuino di Fassone e Mirabelli ci sarebbe però anche un altro nome, quello del brasiliano Oscar, anche lui sempre più ai margini del progetto tecnico di Antonio Conte e per questo fermamente intenzionato a cercare spazio altrove. 

Pasalic sotto esame

Non è escluso inoltre che per uno o due nuovi arrivi dal Chelsea, ci possa essere anche qualcuno che farà il percorso inverso. Il riferimento è a Mario Pasalic, decisamente insoddisfatto (non solo lui, ma anche il suo procuratore e perfino la dirigenza dei Blues) del ruolo da comprimario scelto da Vincenzo Montella per lui al Milan e per questo possibile cavallo di ritorno a Londra. C’è da capire se, complice anche il grave infortunio occorso a Riccardo Montolivo, il croato classe ’96 troverà spazio da qui in avanti, altrimenti la sua avventura in rossonero potrebbe considerarsi conclusa dopo appena una manciata di mesi.