8 dicembre 2016
Aggiornato 01:00
Calciomercato-Milan

Milan, Luiz Adriano attacca: «Non ho chiesto più soldi»

Non accennano a placarsi le polemiche sull’improvviso ed inaspettato ritorno dell’attaccante brasiliano in Italia. Luiz Adriano però rispedisce al mittente le accuse: «Non è vero quello che si sta dicendo, ho solo preteso garanzie salariali».

MILANO - Il pasticciaccio brutto tra Milano e la Cina che coinvolge l’attaccante brasiliano del Milan non sembra in via di risoluzione. Le chiacchiere che si sono rincorse nella notte, una volta diffuso il comunicato del calciatore in cui dichiarava di voler lasciare lo Jiangsu e tornare in Italia, hanno coinvolto tutti: in primis il club, accusato dal centravanti di non aver rispettato i patti, ma anche lo stesso numero 9 rossonero, additato dai media cinesi come un voltafaccia.

La verità la racconta proprio Luiz Adriano: «Non è vero quello che si sta dicendo. Non ho chiesto più soldi una volta arrivato in Cina. La realtà è che  non avrei avuto alcuna garanzia salariale - sottolinea l'attaccante brasiliano -. Loro non volevano inserire il corretto importo nel contratto e non non sono abituato a lavorare in questo modo. La ragione per  cui è saltato l’accordo e sono tornato al Milan è solo questa».